Recensione ASUS P553MA-BING-SX663B: il massimo sotto i 300€

Disclaimer

La recensione non si propone in alcun modo di essere professionale ma ricalca lo stile di un famoso recensore di minipc/tablet android e windows
Grazie per il tuo lavoro Riccardo P.

Pubblicata anche su tomshw!



Asus P553MA vuole essere un portatile economico e leggero che si diversifica dagli altri modelli economici per una certa ricercatezza nel design e nelle plastiche utilizzate.
Sicuramente non parliamo di un prodotto al top come caratteristiche tecniche ma di un qualcosa che si rivela perfetto per la piccola produttività e uso home.
Il suo prezzo (online) fa apparire il tutto come un piccolo miracolo targato windows e intel.

Bundle e confezione di vendita

Il portatile mi è giunto in questa elegante scatola di cartone contenente, oltre al dispositivo, un alimentatore davvero molto bello, piccolo (5x5x3cm) e con un filo decisamente lungo.

In confezione nulla più se non una busta anti graffio e la solita manualistica rapida e la garanzia.

Qualità costruttiva, ergonomia e design

Se sul coperchio troviamo la solita plastica asus ruvida con effetto anti-impronta ( a dire il vero non troppo funzionante) a circonferenze concentriche, l’interno del notebook è un qualcosa di magnifico: l’intera base del notebook è stata costruita con una plastica effetto “alluminio satinato” (molto simile alla backcover g3), mentre la cornice attorno al display è di plastica opaca. Anche i bordi dello chassis e il “sotto” sono realizzati della stessa plastica. Il touchpad si rivela molto piacevole al tatto e alla vista ma quando si vanno a cliccare i due tasti lo si vede flettersi in modo pauroso.

La tastiera durante l’uso di tutti i giorni non crea particolari problemi, anzi è molto piacevole da usare e la presenza del tastierino numerico è molto gradita. Mostra qualche incertezze quando si cliccano i tasti centrali dove tende a flettersi. A sua difesa va detto che questo è un difetto comune a molti notebook anche molto più costosi.

Dove il notebook mostra il fianco è lo schermo la cui risoluzione di soli 1366x768px e una superfice decisamente riflettente non aiutano di certo a dare l’idea di un buon prodotto. Per chi come me è viziato dal pannello 2k del g3 sentirà un pugno nello stomaco vedendo i pixel del pannello accesi.
Da contrappeso funge la luminosità del pannello: decisamente leggibile al minimo, ottima se impostata a medio e capace di rendere leggibile lo stesso sotto luce diretta di una lampada se settata al massimo.

(in ordine luminosità bassa, media e alta)

Nel complesso poi il portatile risulta essere abbastanza leggero con un peso di 2,2kg.
La dotazione di porte è decisamente “standard” e tutta raccolta sul lato sinistro: abbiamo il jack proprietario per collegare l’alimentatore, una porta ethernet, uscita vga e hdmi, 1x usb 3.0, slot per SD, 1x usb 2.0, e jack combo microfono/cuffie (la cosa probabilmente più odiosa).

Il lato destro è caratterizzato solo dalla presenza del masterizzatore DVD (alquanto rumoroso e decisamente fastidioso anche in lettura), un plus comunque gradito.

Una nota riguardo slot di espansione ram e batteria: non esistono è tutto integrato nello chassis. Se il quantitativo di ram preinstallato non crea troppi problemi, il problema sarà sostituire la batteria. Su youtube si trova qualche video in cui disassemblano il tutto ma è decisamente fuori dalla portatat dell’utente medio.
Non ci sono feritoie nè lateralmente né sotto per lo sfogo del calore dissipato dalla ventolina.
Utile l’aver già il disco partizionato in due partizioni principali: una per l’os e l’altra per i dati.

Prestazioni e autonomia

Il processore un pentium n3450 (4 core @2.16ghz) ovviamente non permette miracoli in ambito gaming o di benchmark ma si difende molto bene in quello che è alla fine dei conti l’utlizzo target di questo protatile: la piccola produttività. Office gira benissimo e la navigazione internet con Chrome è davvero piacevole. Video in flash e html 5 non mettono in crisi il sistema che grazie anche a windows 8 rimane sempre fresco e reattivo.
Vi lascio un po di screen di qualche benchmark. Sinceramente mi aspettavo qualcosa in più dalla gpu integrata.

Le temperature sono abbastanza buone con una media di 50-60 gradi che schizzano però a 90 quando il processore è impegnato nei bench. Windows update nell’installazione di quasi 2gb di aggiornamenti mi ha fatto accorgere della presenza della ventolina altrimenti appena percettibile.

Peccato per la batteria risicata che permette solo 4 ore di autonomia nell’utilizzo così detto “cazzeggio”.
Ciò che delude abbastanza è il disco che si dimostra lentino quando è chiamato a disimpegnare più applicazioni contemporaneamente.

Considerazione sul software preinstallato

Un plauso ad Asus per non aver “inzozzato troppo” il portatile con programmi di dubbi utilità. Oltre a qualche piccola utility per gestire i tasti fn, impostare diverse modalità di colori per lo schermo e l’immancabile pannello audio realtek, sono presenti dei link per installare dei giochi che possono essere facilmente disinstallati dalla utility di windows installazione applicazioni.
La mancanza di una licenza di office e windows 8.1 with bing bilanciano il prezzo contenuto.
La confezione non contenendo alcun dvd di ripristino ha obbligato asus a creare una partizione di ripristino (ben 20gb).

Conclusioni

Sicuramente questo notebook farà storcere il naso al 70% dell’utenza qui su tomshw visto che non brilla sotto il profilo né dell’autonomia né prestazionale. Ciò che però lo rende estremamente interessante è il prezzo a cui viene proposto da alcuni store: 250-270€.
Nella mia ottica questo notebook si rivela essere un best buy se cercate qualcosa di adatto allo svago, ad un utilizzo mordi e fuggi e non volete vivere con la paura di smarrirlo o rovinarlo.
Direi ideale per chi come me cercava un notebook gradevole esteticamente accattivante ma non di troppo peso da portare all’università.
Voto: 7.5/10

Galleria completa e recensione in formato docx QUI

#IFA14: ASUS presenta eeeBook e ZenBook

Asus in questo primo giorno di apertura ai giornalisti dell’IFA (Internationale Funkausstellung Berlin) ha presentato due prodotti molto interessanti: parliamo di un anti-chromebook/new-netbook e di un portatile di fascia alta che fanno del design il loro punto di forza.

Partiamo dall’eeeBook che costituisce probabilmente il “prototipo dei netbook del futuro”:

Modello: eeeBook X205

Processore: CPU Atom Z3735 Quad Core

VGA: Integrata

Ram installata: 2GB

Disco rigido: 32 GB

Display: 11.6″ 1366 x 768pixel

Peso: 980 grammi

Autonomia: 12h

Prezzo: 200€

Lo ZenBook invece si rivela essere col suo schermo (anche) ad “alta risoluzione” un rivale diretto dei MacBook Retina e un prodotto sicuramente destinato ad un altra fascia di utenza “business oriented”

Modello: ZenBook UX305

Processore: Intel Core Broadwell

VGA: Integrata

Memoria installata: 4/8 GB

Disco rigido: SSD 128/256 GB

Display: 13″ FHD/QHD

Peso: 1.2kg

Autonomia: ?

Prezzo: ?

In rete già si trovano commenti del tipo:

“E’ una scopiazzatura del MACBook”

“Tutti a copiare il design Apple non sanno che inventarsi”.

Sinceramente per me Asus o chi che sia può ispirarsi al design dei Mac e anche fossero uguali non avrei nulla da dire: i MacBook sono dei prodotti stilisticamente bellissimi e non vedo nulla di male se l’utenza possa avere una macchina funzionale e anche bella da vedere senza dover spendere le cifre esorbitanti richieste da Apple.

Pubblicato su PC

Tag: ,

Permalink Lascia un commento